Essere E Apparire

E’ una domanda che in verità non ho mai sopportato e ricordo che, soprattutto da piccola, a scuola, chi veniva a fartela arrivava sempre con aria saccente e chi era lì per ascoltare la risposta ti scrutava come se dalla tua risposta ne dipendessero le sorti del mondo.

Tu preferisci essere, o apparire?

Ogni tanto la tirano fuori anche nelle radio, quando esauriscono tutte le varianti di è meglio mollare o essere mollati oppure se la pasta è meglio mangiarla a pranzo o a cena. Ovviamente la risposta data dal 90% dei ragazzini, allora, e anche la mia perché poi era come buttarsi in un porto più sicuro, era essere. Giusto per fare bella figura. Il resto, composto da quelli un po’ più popolari, vip, che se la tiravano insomma, si buttava sull’alternativa, come se abbracciasse tutt’altra filosofia di vita.

Con il passare del tempo ho continuato a chiedermi se avessero poi così torto. Se preferire l’apparenza alla sostanza, dare importanza alla forma più che al contenuto fosse così sbagliato, sacrilego come sembrava. Allora mi sono concentrata su cosa significasse non tanto essere, quanto il non apparire.

Pur scegliendo di essere, dando importanza a ciò che si è senza curare troppo l’aspetto, l’impressione, l’estetica, ma più l’interiorità, mostrandosi spogliati di qualunque maschera o artificio che serve a piacere e forse a piacersi, anche, si è sicuri di non apparire mai? Esiste un modo per annullare l’apparenza?

La prima cosa che mi viene in mente sono proprio i blog. Per quanto sembri che espressione migliore dell’essere non esista perché ci si racconta, si esprime in qualche forma ciò che si ha dentro, neanche qui io penso si annulli completamente la componente apparenza, pur non essendoci fisicità. Allora ho pensato che forse il non apparire sia legato alla sobrietà, alla mancanza di vanità, ma allo stesso tempo qualunque tentativo di non apparire costituisce pur sempre un’apparenza che qualcuno comunque noterà.

Allora forse non è importante scoprire se sia giusto o sbagliato tenersi o no nella maggioranza, quanto chiedersi se non è la domanda stessa a trarre in inganno perché in effetti la scelta non esiste, non esistono due verità che si escludono a vicenda. Sono connesse, invece, in tanti di quei modi che non se ne potrebbe finir mai di parlare. Semplicemente ho iniziato a vedere l’apparire più come un tenersi nei binari del come si vuol essere, cosa per la quale si potrebbe lavorare anche una vita intera, prima di riuscirci.

The Blue Umbrella - Disney Pixar

The Blue Umbrella – Disney Pixar

Annunci

14 pensieri su “Essere E Apparire

  1. Il discorso può allargarsi al consumismo di se stessi, all’ impulso incoercibile a conformarsi , massificarsi, per essere ciò che gli altri vedono di noi ,la nostra esteriorità banale… Un caro saluto. Marisa

    Mi piace

    • È vero, ed è quello che accade se dai binari dell’essere ci si sposta camminandogli di fianco o addirittura facendo delle deviazioni e giri immensi spinti, spostati da riferimenti e modelli che ne sono al di fuori e attirano altrove… anche quello fa parte della ricerca di sé, comunque.
      Buona giornata a te!

      Liked by 1 persona

  2. Apparire è come una porta chiusa sull’ignoto. Tutti appariamo, tutti abbiamo una porta. Piccola o grande, cesellata, rifinita o cadente a pezzi che sia. Dietro la porta c’è l’essere. Che resta ignoto (o incerto, dai, perché qualche indizio c’è sempre anche prima), resta ignoto dicevo, finché non apri la porta. E dietro la porta puoi trovare di tutto. Dal nulla all’infinito.
    Spesso dietro le porte più belle trovi tanto nulla.

    Mi piace

    • Bella la similitudine con le porte, rende davvero l’idea… e quelle porte dicono tutto e niente di una persona. Si può restar chiusi fuori anche una vita intera oppure entrare, guardare e apprezzare perfino e scoprire che è tutto falso, tutta una presa in giro. La corrispondenza tra porta e arredo, contenuto, forse è ciò che si chiama coerenza..

      Mi piace

  3. io credo che sia molto molto complicato, quasi da risultar superfluo chiederselo..

    un gran risultato potrebbe essere già quello di riuscire a tentar di essere con la consapevolezza che infondo alle altre persone che lo vogliamo o no non avremmo molte alternative all’apparire…

    inoltre considerando che l’essere è in ogni caso sempre in evoluzione e quello che potremmo essere oggi potrebbe a sua volta risultare diverso del nostro essere di ieri e di domani.. e questa differenza spesso ci porta ad apparire o a dar questa sensazione all’altro.. chissà chi può permettersi di rispondere a questa domanda per se stesso… e chissà chi ha la presunzione di poterlo fare per il prossimo…

    Mi piace

    • Infatti oltre che superfluo è perfino sbagliata come domanda… andrebbe più indagato il rapporto tra essere e apparire, l’evoluzione dell’una o dell’altra cosa che inevitabilmente trascina con sé l’altra, perché appunto inscindibili.

      Liked by 1 persona

E Secondo Te . . . ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...