Cronache Di Un Trasloco #1: Libri In (Di) Viaggio

wpid-img_20151106_165941.jpg

Sarà scontato o banale, ma in questi giorni di lavoro frenetico in vista del trasloco ho speso un sacco di tempo soltanto per riporre negli scatoli i miei libri. C’era da spolverarli, riporli con cura, sistemarli almeno per dimensione in modo da ottimizzare gli spazi, far attenzione a non sgualcire le pagine e, ovviamente, davo una sbirciatina a quelli che non prendevo dallo scaffale da un po’. La sbirciatina diventava un sedersi di fianco allo scatolo per sfogliarli, approfittare del momento per finire un racconto lasciato in sospeso troppo tempo prima, riguardare le illustrazioni delle fiabe che ho amato tantissimo e scoprire che, nonostante non le ricordassi a memoria, ne erano rimaste ombre di emozioni da qualche parte dentro di me.
Non è stato esattamente il modo più veloce per sbrigarmela, specie con tutto quel che c’è ancora da fare. C’erano libri regalati, libri amati, dediche, segnalibri comprati e disegnati, orecchiette alle pagine su cui tornare, che spesso poi si dimentica il perché, nonostante quella parola o frase in quel momento sembrava avesse fermato il mondo. E’ stato bello.

In questo periodo la mia mente viaggia in maniera sconnessa nel tempo saltellando tra ricordi di molti anni fa e quelli del passato recente. Mi sono liberata di oggetti che non volevo mi appesantissero inutilmente in questo cambiamento, che in fondo è solo uno dei tanti avvenuti negli ultimi due anni. Ho conosciuto persone e ho capito di avere ancora così tanta paura di dimenticarne altre. In certi momenti torna la rabbia per aver costretto a forza la mia mente a smettere di provare alcune mancanze. Ovviamente lei si è ribellata e adesso non fa che tormentarmi con scenari apocalittici nei riguardi della mia vita sentimentale, non che abbia bisogno di inventarsi granché poi. Così, incastrata in questo limbo tra passato e futuro, il primo un tantino più vivo e in forma del secondo che ce la sta mettendo tutta a guarire, eccitato quantomeno dall’idea che tra poco sarà tutto nuovo e diverso, ho potuto abbracciare lui.

Un nuovo libro.

Uno di quelli che ti capitano al momento giusto, anche se capiterà nello scatolo sbagliato, perché mentre aspettavo il corriere gli altri li avevo già chiusi e adesso se ne sta solo soletto sullo scaffale, abbastanza spaurito. Si chiama “Un ex è per sempre” della disegnatrice che adoro tantissimo Silvia Ziche. Ne ho già parlato una volta, oltre ai suoi lavori per la Disney e Topolino, scrive (disegna) libri che hanno come protagonista un suo personaggio, una donna alle prese con la ricerca dell’uomo della propria vita, Lucrezia. Lasciata dal suo ultimo compagno, Riccardo, che sembrava davvero fosse finalmente quello giusto, inizia un tortuoso percorso fatto di interrogativi sul perché sia finita così e sul come possa dimenticarlo per andare avanti. Ad accompagnarla è proprio Riccardo, sottoforma di fantasmino creato dalla sua mente che la segue ovunque tormentandola ancora. Non rappresenta altro che l’impossibilità e la paura di dimenticare un legame importante ma spezzato bruscamente, raccontate attraverso ironia e comicità come solo Silvia sa fare. Non vedo l’ora di leggerlo e, magari, sarà il compagno giusto per rimettere poi tutto in ordine, sia sugli scaffali, sia nella mente e nel cuore.

wpid-img_20151106_165259.jpg

 

Annunci

41 pensieri su “Cronache Di Un Trasloco #1: Libri In (Di) Viaggio

  1. Recentemente ho fatto anch’io un trasloco ma non mi sono potuto permettere il lusso di sfogliare i libri, non avevo tempo. Potevo solo sistemarli nelle scatole nel miglior modo possibile.
    Silvia Ziche è una grande autrice. Su Topolino ha fatto delle “telenovele” geniali. Ed anche su PKNA ha fatto prodigi!

    Liked by 1 persona

  2. I libri arrivano sempre al momento giusto…
    Alcuni arrivano, altri finiscono negli scatoloni… insieme a tante altre cose.
    Che sia un trasloco mentale o fisico… ogni tanto bisogna accettarlo. E con esso bisogna accettare il cambiamento.
    Buona domenica ❤

    Liked by 1 persona

  3. Non è nè scontato nè banale (vedi incipit).
    E’ anzi raro trovare qualcuno che impiega tanto tempo a svolgere un’attività che ormai alla stragrande maggioranza delle persone di questo paese richiede sì e no 30 secondi (mettere in uno scatolone tutti i libri che possiede) :-))
    E un ex è per sempre, dice il titolo…temo di sì. Alcuni ex quanto meno sì.

    Liked by 1 persona

    • Diciamo che ero partita con le migliori intenzioni di far presto xD Poi però ho perso la cognizione del tempo! Non ho mai fatto un trasloco prima, per cui è una situazione nuova per me quella di mettere tutta la mia vita negli scatoli, non so com’è che si fa…
      Non so nemmeno come si dimentica qualcuno per cui si sono provati dei sentimenti bellissimi e profondi. Un ex è per sempre significa sia che in fondo non è che può tornare, sia che resterà nella memoria in quanto tale…

      Mi piace

  4. Spero che quel libro serva a sorriderci su e a mitigare un po’ i disagi del trasloco 🙂
    Io mi sono trasferita nell’appartamento del mio ragazzo 4 anni fa. Ma ho lasciato oltre 400 libri nella mia stanza a casa dei miei. Occupano un’intera parete. Starci distante mi procura un certo disagio.

    Liked by 1 persona

      • Ne avrò portati una trentina, quelli che mi servono di più per lo studio. Gli altri fanno avanti e indietro. Ho dovuto lasciare dov’erano i cataloghi d’arte, i libroni di fotografia e di architettura… tutte le mie meraviglie insomma T_T Calcola che qui in soggiorno abbiamo già due librerie con un bel po’ di romanzi etc. (roba che ha lasciato la madre del mio ragazzo), ma mi sembra sempre poco… Aggiungo per la cronaca che io vado a fare i giri delle biblioteche per portarmi a casa tutti i libri che buttano, non so se rendo l’idea del traffico di volumi che ho in giro – e che non leggo ovviamente XD

        Liked by 1 persona

      • Oh mamma… e dove li mettiiii! Guarda forse posso capirti! Io qui nel post parlavo dei miei romanzi… ma adesso ho appena finito di impacchettare enciclopedie sulle armi, sull’Italia e non so che altro e ci sono in giro una marea di libri ed enciclopedie di arte di mio nonno… Tanti… troppi! C’è di tutto! Sono loro che rendono davvero faticoso un trasloco, ne sono certa 😀

        Liked by 1 persona

  5. Io non trasloco ma ogni tanto faccio come hai fatto tu, pulendo la libreria, tolgo quelli che ho letto, ne aggiungo, alcuni li riprendo nel baule, alcuni li ho al piano di sotto in un’altra libreria, da mio papa’ ci sono le enciclopedie che ci aveva comprato quando andavamo a scuola che occupano degli scaffali interi, tolgo, metto, leggo e ricordo, 🙂 un bacione cara, buon inizio settimana, ❤

    Liked by 1 persona

    • E come si fa a non pensarci più?
      Le due cose non sono direttamente collegate per me, se non per il fatto che cambierà tutto intorno a me e sarà più facile ricominciare daccapo.. La novità e il cambiamento sono utili in questo. Un corpo, un oggetto puoi spostarlo e lì resta, il cuore trasloca davvero solo quando trova un posto che sia accogliente altrimenti sarebbe capace di restare fuori alla porta della vecchia casa pure se è stato cacciato.

      Liked by 1 persona

      • No perché è una città che conosco un po’, ci vivevano i miei nonni e ora c’è una zia. La maggior parte delle festività le ho vissute lì, un po’ di compleanni e ricorrenze… Mi è abbastanza familiare e poi qui dove sono ora lascio qualche ricordo, ma è un posto che non vivo molto. Mi allontano un po’ dai miei amici e mi dispiace, questo si, ma il modo di vedersi si trova sempre 🙂

        Liked by 1 persona

  6. Saran passati quasi quindici anni, ma come ho letto Ziche l’ho immediatamente collegata alla Papernovela. L’avrò riletta un miliardo di volte… E adesso post-“trasloco” chissà se sta ancora da qualche parte. Spero tanto di non averla fatta sparire in uno dei miei deliri adolescenziali del cancellare tutto. Che poi sotto sotto non si cancella mai niente.

    Scrivi cose molto belle.

    Liked by 1 persona

    • Infatti e questo tuo ricordo ne è la dimostrazione 🙂 Felice di aver trovato un altro lettore, davvero pensavo non ce ne fossero altri che l’avessero letta e addirittura ricordata dopo tanto tempo…
      Grazie e benvenuto 🙂

      Mi piace

E Secondo Te . . . ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...