Meglio Vegani Che Innamorati

tumblr_mvh8flR2pY1qhey0lo1_500

Credo che Papa Francesco abbia parlato dell’amore smisurato che certe persone hanno per gli animali domestici, di molto superiore a quello che nutrono invece per gli altri esseri umani, perché deve aver saputo che ho una zia che ha preso un cane e lo ha chiamato Bianca, in ricordo di mia nonna scomparsa e per avere un’altra Bianca in famiglia, in quanto, evidentemente, io non facevo abbastanza testo per lei.

Anche a me piacerebbe avere un cane o un gatto. Lo chiamerei Stitch se fosse maschio, Lilo se femmina. Peccato però che mia madre caccerebbe di casa sia me che la povera bestia perché ama gli animali, si, purché però si trovino un centimetro più in là della porta d’ingresso.

E’ come dire che l’amore in realtà è un punto di vista.

C’è chi si batte per salvare gli agnelli durante il periodo di Pasqua e poi della strage di tacchini e capitoni che avviene in corrispondenza di altre festività non se ne importa granché. Gli agnelli però sono carini. Da lì si diventa vegetariani o addirittura vegani, eppure in un mondo in cui le zucchine potrebbero essere cancerogene io non affiderei completamente la mia dieta a loro. Credo sia molto più intelligente andare a cercare i prodotti a chilometro zero, le uova da allevamenti non intensivi. Tornare alle abitudini alimentari dei nostri nonni, che mangiavano il pollo soltanto a Natale perché costava troppo.

Comunque la questione è ovvia. Meglio amare gli animali che gli esseri umani perché i primi difficilmente possono deludere. Meglio vegani che innamorati. A livello sociale ed affettivo se ne traggono più soddisfazioni. Si perché l’amore a chilometro zero non esiste e non in termini di distanze fisiche, ma di cammini da compiere dentro se stessi per giungere ad un incontro reale e sincero con l’altra persona. Le relazioni biologiche non possono esserlo a lungo. Prima o poi finiscono per introdursi prodotti di sintesi derivanti da artifici mentali mostruosi. Per dirne uno, la paura.

Il vero guaio, infatti, sta appunto nel punto di vista. Quando lo spostiamo da amare sentirsi amati rischiamo di fare un’inquadratura a vuoto. Possiamo amare gli animali, le persone, chi e cosa ci pare, ma poi? C’è davvero qualcuno che ci preferisce alle proprie pantofole, al proprio porcellino d’India, qualcuno che si improvviserebbe centometrista per correre a fermarci prima di andar via o siamo tutti intercambiabili, come in uno speed date che dura una vita intera?
Se contassimo quanti amano e quanti si sentono amati, in molti alzerebbero la mano soltanto la prima volta.

Perché l’amore è un punto di vista e la realtà non la vediamo tutti con gli stessi occhi.

Il gatto poi ci vede perfino al buio.

Annunci

62 pensieri su “Meglio Vegani Che Innamorati

  1. Tutto dipende dalle situazioni. Una volta vidi in tv una manifestazione intentata contro l’uccisione di animali a scopo alimentare, come appunto agnelli, conigli e quant’altro. Qualche giorno dopo venne data la notizia che la metà dell’inquinamento atmosferico è dovuto ai gas intestinali emessi dai bovini che, essendo formati di metano, inevitabilmente aumentano l’effetto serra. Ora dimmi tu. A chi credere dei due?

    Liked by 1 persona

    • Aida credo che i secondi abbiano detto un po’ una palla. Gli allevamenti intensivi si che producono troppa CO2 ma non a causa dei gas intestinali. Sono industrie e in quanto tali hanno bisogno di enormi quantità di energia e di conseguenza producono anidride carbonica. Al massimo ci sono i gas che provengono dalla decomposizione degli scarti e rifiuti fisiologici, tonnellate e tonnellate. Lo smaltimento di questi rifiuti è una tragedia, se pure si usano per concimare i campi ma le galline hanno mangiato antibiotici, nelle zucchine troveremo quel che hanno mangiato gli animali! Per questo dico che diventare vegani o vegetariani per eccesso di affetto è una cretinata. Il vero problema è che gli allevamenti intensivi distruggono l’ambiente e la nostra salute.
      Inoltre le superfici coltivabili non basterebbero se tutta la popolazione mondiale volesse diventare vegana. Creeranno le zucchine OGM che crescono in poco tempo e chissà grazie a quali schifezze. Quel che si dovrebbe capire è che non è passando da un estremo all’altro che risolveremo il problema. C’è bisogno di riequilibrare la catena alimentare, c’è chi mangia troppo e chi non mangia affatto. La maggior parte delle persone diventa vegana per mantenere la linea, convinte di fare del bene all’ambiente. Vai a chiedere alle popolazioni africane cosa ne pensano.
      Che poi ognuno di noi abbia delle preferenze e simpatie sugli animali è un altro conto. Io ad esempio non mangio coniglio, quaglie, e altre bestioline che non riesco proprio a figurarmi nel piatto. Ma non posso convincere tutti delle mie scelte personali..

      Liked by 2 people

      • Si ovviamente, come dicevo in un post di un blogger la cultura bio degli ultimi anni è, a mio parere, una vera industria, non un principio di cultura salutista. Ad esempio quando vedo sugli scaffali un prodotto venduto per bio ad un prezzo tre volte maggiore, mi chiedo se davvero sia biologico, come sono abituata io a vederlo. Per me biologici sono i pomodori che mi regala mio suocero ogni anno, coltivati senza pesticidi e senza letame, come sono biologiche le zucchine del loro orto, fresche e saporite. E sono biologici il pollo e il coniglio che hanno un sapore che ti sogni se li compri al supermercato. O il vino biologico, che quello acquistato, a paragone, pare na “pisciazza” (mi si passi il termine). Non è solo catena alimentare, ma un’insieme di fattori, come appunto anche la vera cultura del biologico.

        Liked by 1 persona

      • Esatto, questo è un altro punto importante.
        Volevo comprare la quinoa l’altro giorno. Se ne volessi fare uno stile di vita costringerei la mia famiglia a delle spese assurde. Il bio-vegan-chissàchealtro è una moda costosa. Non riesco a non vederla così!

        Mi piace

  2. A parte la riflessione sull’amore, che la considero giusta, parlando di animali io credo che chi non li ama e non li rispetta non è capace di amare ne rispettare nessuno, nemmeno gli umani. Possono anche non piacere, per carità, ma il non rispetto non è giustificabile. A me non piacciono i bambini, li posso picchiare e maltrattare? No. Gli animali sono vite e come vite vanno rispettate e onorate anche se non sanno parlare, anche se alcuni pensano che non abbiano un’anima o un’intelligenza emotiva -cosa che invece io credo abbiano più di certe persone- la capacità di amare poi per me è assolutamente indiscussa. Credo sinceramente che comunque l’amore e la lotta per il benessere degli animali non escluda a prescindere quella verso gli umani…chi aiuta gli animali e tiene al loro benessere può essere allo stesso tempo un benefattore nei confronti dei bambini, può lottare contro la fame nel mondo, può fare gesti nobili in aiuto dei più bisognosi. O sbaglio? Una cosa non esclude l’altra, a mio avviso. Al contrario invece, chi si inginocchia in chiesa ma poi quando esce prende a calci il primo randagio che incontra mi suscita parecchi dubbi sulla sua umanità e sulle sue buone azioni nei confronti di qualsiasi essere vivente…

    Liked by 3 people

  3. Io amo smisuratamente il mio pelosetto domestico, e non me ne vergogno affatto, né devo giustificarmi.
    Logico che l’amore per il prossimo deve essere superiore, ma il mio prossimo… chi è?
    Possiamo fare del bene, fare donazioni ed elemosine, ma è sempre una donazione ‘a distanza’ senza un contatto diretto con il prossimo.
    Il pelosetto è forse più comodo da amare, ma non mi nascondo dietro ad un dito: a me piace così, e come me la pensano milioni di persone.
    Ma non per questo io non amo le persone. Ma ovvio che anch’io mi chieda “chi mi ama”?
    In pochi alzano la mano, ed uno fa le fusa.

    Liked by 3 people

    • Il tuo gatto è meraviglioso!
      Tutto giusto quel che dici… Credo che sia importante fare le giuste distinzioni, forse si può impiegare una vita intera a trovare una persona che ci capisca davvero, ma dire che il proprio micio o cane lo fa meglio è una stupidaggine. Gli animali possono ammonirti se stai per fare una stronzata? Non credo. Al massimo si ribellano se non ti curi di loro. Avere a che fare con le persone invece significa anche accettare che stai commettendo un errore, che stai esagerando o che le stai deludendo per troppo egoismo. Gli animali possono dimostrare fedeltà, è vero, ma l’interazione è ovviamente limitata, no?

      Liked by 1 persona

  4. Et et, non aut aut. Una cosa non esclude l’altra e il buon senso davvero dovrebbe essere il prerequisito. Infatti concordo pienamente con il discorso sulle uova da allevamento non intensivo e il moderato consumo. Gli “ismi” sono dannosi persino quando sono indirizzati ad una buona causa. Quanto all’amore, beh…l’uomo tendenzialmente è un animale ego riferito, per non dire egoista, e l’amore in senso astratto è appunto un concetto molto astratto. Io penso che ciascuno di noi nel corso della sua vita debba mirare ad allargare quel cerchio immaginario che include i suoi oggetti d’amore, così come bambini imparano ad amare se stessi, la mamma, il papà, i fratelli, gli amici, i parenti, i conoscenti e via dicendo. E perché no, anche il cane il gatto e il pesciolino rosso.
    Ps. Io mi sento fortunata, giurerei che si alzerebbero diverse mani e qualche zampetta 🙂

    Liked by 1 persona

    • Che bello Viv 🙂 Mi piace sempre la tua filosofia di vita
      Amare non è una cosa facile quando ci si deve misurare con vite, esperienze e visioni della realtà altrui. Ed è proprio perché siamo ego riferiti che non sempre combaciano le espressioni d’amore di tutti e così nascono i vari fraintendimenti e falsi cinismi.

      Mi piace

  5. Cara Bloom io su questo potrei farci un trattato. Il papa è stato molto contestato per la sua affermazione, però dopotutto ha ragione. Le persone deludono, feriscono e gli animali no. Tutto ciò che fanno è per istinto di sopravvivenza, mentre gli uomini agiscono secondo il libero arbitrio. Scelgono di deludere e di ferire e per questo ognuno di noi preferirebbe gli animali alle persone. La paura di soffrire, di amare così tanto qualcuno che poi si finisce in ogni caso per soffrire e in questo periodo lo sto provando. Alla fine si diventa diffidenti a tal punto che ti vien detto che sei pazza, solo perché hai paura di soffrire. Anche se la zucchina possa essere cancerogena, la preferisco alle persone. Hai ragione quando dici che bisogna chiedersi ” ma chi mi ama ” anche perché questo riconduce inevitabilmente alla domanda del “io chi amo”. Qui entra in gioco una ulteriore domanda, io mi amo?

    Liked by 2 people

    • Sai Nannà credo che la sofferenza bisogna metterla in conto. Non si può prescindere da essa, però appunto non bisogna mai arrivare a calpestare l’amor proprio. Non sempre le persone scelgono di deludere e ferire, alle volte capita senza che uno se ne possa accorgere, oppure alle volte c’è bisogno di difendere appunto quell’amor proprio senza il quale non potremmo darci a nessuno in maniera sana. So di cosa parli riguardo la paura e la diffidenza, quando si viene delusi è inevitabile provarne. Anche se sembra, la vita non finisce lì. Quelle sensazioni passano, ci si innamorerà di nuovo.. E’ così. Con le persone ci vuole più impegno che con gli animali, questo è certo.

      Liked by 2 people

      • È proprio questa l’interpretazione che ho dato alle parole del papa. Tutti ci prodighiamo a salvare gli animali, giusto e sacrosanto, ma i rapporti umani? Ci vuole tanto impegno con le persone perché non fanno solo miao o Bau. Vengono da altre esperienze di vita che possono essere dolorose e la stessa cura, attenzione che si ha per un cane o un gatto la si dovrebbe avere per le persone. Forse non mi sono amata abbastanza, forse non mi amo abbastanza e così poi sto male quando ripenso a certi insulti e comportamenti. Ci si chiede “ma chi me l’ha fatto fare” o “quanto tempo ho perso “? Ecco perché poi finiamo in relazioni sbagliate, amori non corrisposti e stiamo lì ore ad aspettare un messaggio che non arriva mentre frequenta già un’altra e ci si becca insulti su insulti che portano alla depressione. Non mi ritiene abbastanza e per cui non sono abbastanza per nessuno, nemmeno per me. E così si passa le giornate a chiedere a tizio o a Caio, se lui avesse ragione ad insultarmi. Probabilmente non mi sono amata affatto per tutto il tempo che ci ho perso dietro.
        Ti chiedo scusa solo che non è un bel periodo 😀

        Liked by 1 persona

      • Ti capisco fin troppo bene. Spesso ci facciamo più male da sole quando non crediamo in noi stesse, quando pensiamo di essere il problema, di aver detto qualcosa di sbagliato che ha generato una reazione non prevista.
        A quante, quante cose non faremmo nemmeno caso se amassimo un po’ di più noi stesse. Prima ancora del sentirsi inadeguate e non all’altezza. Ci sentiamo sbagliate noi quando a sbagliare sono gli altri, invece di riconoscerlo e metterci una pietra sopra. Non si può che imparare a volersi bene da questo tipo di esperienze, Nannà. Essere forti abbastanza da spostare quel punto di vista. Certo, magari abbiamo sbagliato davvero.
        Ma quante volte invece no….?

        Mi piace

  6. Io amo gli animali domestici e da mangiare. Certo, l’idea che un vitellino venga brutalmente ucciso mi dà da pensare, però non mi faccio problemi a mangiarlo. Ne parlavo con alcune persone qualche sera fa, dell’amore incondizionato che ti danno le bestie. Amo più i miei due cani che le persone, ma è normale, non ho un confronto reale con gli animali, non parlano. Ecco, vegana mai, l’altro giorno passeggiavo coi miei cani e avevo lo stesso sguardo famelico loro guardando le oche selvatiche scorrazzare nei campi (sono cattiva) però il tuo articolo mi è piaciuto molto!

    Liked by 1 persona

  7. Ho il cervello troppo azzeccato, per rispondere degnamente XDD
    E il tuo post colpisce e affonda più di una volta: il mio discorso sull’amore lo conosci.
    Non esistono punti di vista… quanto meno, non esistono in vista dell’unilateralità: quando c’è quello, non c’è amore.
    Amare viene prima… prima del sentirsi amati.
    E’ vero che la dinamica è quella: non ci si può annullare, per poi essere calpestati.
    Ma io scinderei l’Amare e l’Essere amati dal Fingere di Amare o Credere di Amare per l’Essere o Sentirsi amati.
    Sulla parte animale… lasciamo perdere XD
    A volte sì, mi è capitato di pensare a quanto gli animali siano meglio e più meritevoli dell’uomo, perché si danno senza pretendere nulla in cambio.
    Loro sì, che conoscono l’Amore!… Quello di cui ti parlavo più sopra.
    Ma chi parla è un’inguaribile onnivora, nonostante tutto, quindi… ASSOLUTAMENTE VIA I VEGANIIII XDDD

    Liked by 2 people

    • Lu secondo me l’amore è unilaterale. Le relazioni nascono quando c’è corrispondenza tra i due modi di amare. L’Amore è un’Idea innata e perfetta che si applica in modo imperfetto alla realtà, e ognuno di noi lo fa in un modo. Se nasce una corrispondenza di comprensione, fiducia, rispetto allora si che si può andare avanti… Un modo diverso d’amare per te può non essere amore e per un’altra persona si… Per questo dico dipende dal punto di vista..

      Liked by 1 persona

      • In certi casi mi pare ovvio…
        E comunque credo che siamo noi in generale, ad essere troppo legati a questo luogo comune del “giusto”. O del modo…
        Se vuoi sapere se stai amando (non nel modo giusto, perché se ami nel modo sbagliato o in un altro modo, vuol dire che non ami), chiediti:
        “Mi sto mettendo seriamente in discussione? Sto dando tutto di me, anche l’anima e il respiro? Faccio le cose senza un tornaconto, nel bene dell’altro?” Se è sì… allora forse stai amando… solo amando, non amando bene o amando male…

        Mi piace

      • Capisco il tuo discorso.. L’aspetto che intendevo io é un po’ diverso. Se io non realizzo le aspettative dell’altro però provo amore e lo dimostro a modo mio, tu diresti che non sto amando. Invece credo che ognuno può darsi secondo la propria sensibilità e il proprio carattere e si tratta sempre di un venirsi incontro. Nessuno può dire ad un altro ‘tu non ami’. Al massimo ‘tu non vuoi stare con me, non vuoi vedermi, non vuoi sentirmi’. Un conto è provare un sentimento, un altro è il volersi mettere in discussione e darsi.
        C’è pure chi lo fa ma in realtà non prova nulla, ad esempio…

        Liked by 1 persona

      • Si, sicuramente…
        Il fatto è che non mi sento nessuno per giudicare i sentimenti degli altri. Un conto è dire “ti stai comportando male con me” un altro è dare per certo che quella persona non prova niente!
        Anch’io una volta pensavo che bastasse l’amore a far stare insieme le persone. Invece non è così. Ci sono persone che stanno insieme senza amarsi e altre che si amano ma non hanno il coraggio di viversi davvero.

        Liked by 1 persona

  8. Amo il mio cagnolino, e’ adorabile ma naturalmente amo mio marito, mia figlia, mio fratello, il mio dolce papa’, insomma chi ha un cuore grande ama e basta, le zanzare le odio, 😀 per quanto riguarda la carne non la mangio perche’ non mi piace ma un tagliere di affettati misti e formaggi con fette di pane toscano non lo mando indietro, gusto ogni cosa accompagnata da un buon bicchiere di vino, in questo caso un ottimo Amarone, 😀 baci cara, bellissimo post, ti abbraccio tanto, buona giornata, ❤

    Liked by 1 persona

  9. credo che l’essere umano abbia la straordinaria capacità di amare immensamente, a partire da se stesso, abbracciando il mondo intero, umani e animali compresi 😉
    Ci vuole un po’ di abilità , ma si può fare !
    bel post!
    un caro abbraccio,
    Barbara

    Liked by 2 people

  10. Io che ho una “certa età” non giudico il tuo commento sull’amore perché dettato dalle tue esperienze attuali e/o recenti: certo che sull’argomento si potrebbero scrivere trattati …

    ma per rispondere al tuo post (e relativi commenti) vorrei fare alcune precisazioni (seguendo il mio personale e modesto pensiero);

    quello che ha detto il Papa l’ho sentito solo riportato (quindi beneficio del dubbio) ma se è così il senso non sono d’accordo; penso altresì che sia più giusto (come hai fatto) affermare che non abbia senso “amare” tutti gli animali (si può farlo ma per i nostri amici domestici, fan parte della famiglia) ma che sarebbe però giusto e necessario “rispettare” tutti gli animali;
    Non credo che i vegani (almeno la stragrande maggioranza) lo siano per motivi di moda e/o di salute (anche se è appurato che la carne in special modo quella rossa sia potenzialmente cancerogena, quindi non bisogna abusarne);
    Mio figlio ad esempio è vegetariano ma lo è diventato (da piccolo mangiava la carne) quando ha “ragionato” in un certo modo nei confronti degli animali;
    Ora ti chiederai perché non condivido quello che ha detto il Papa … è presto detto : bisogna amare chi fa qualcosa per meritarselo perché nulla è dovuto per razza; La Natura ed il Pianeta invece vanno amati e rispettati perché lo meritano ma anche perché senza per noi sarebbe la morte …

    Comunque l’affetto e la fedeltà di alcuni animali nei nostri confronti non hanno pari con quella della maggioranza dei “sapiens” …

    Ma per meglio farti capire … non so se hai visto il mio post di ieri …

    https://claudiochiaramonte.wordpress.com/2016/05/18/lanimale-uomo/

    io quelle “persone” (?) posso solo odiarle e veramente tanto, augurar loro il peggio possibile dalla vita (e che sia il più breve possibile) …
    e che il Papa dica ciò che vuole …

    ciao 🙂

    Liked by 1 persona

    • Ciao Claudio
      io non so cosa direbbe il Papa riguardo cose del genere, il suo discorso però non credo fosse così estremo. Ovvio che allo stesso modo non ameresti un lupo che sta per attaccarti nel bosco o una medusa che ti si sta per attaccare ad una gamba in mare. Semplicemente ci sono persone che curano eccessivamente i propri animali, dandogli cure alle volte stucchevoli e che servono solo a mettersi in mostra. Dimmi tra parentesi se è giusto che un cane debba sopportare certi trattamenti di bellezza esagerati e stressanti, non è paragonabile a quel tipo di violenza lì, ma nemmeno è carino secondo me. Queste persone dimenticano l’esistenza di parenti e amici che avrebbero bisogno di un pizzico di quell’attenzione che danno solo ai propri cani e gatti, solo perché quelli soddisfano il loro ego senza metterli in discussione e senza richiedere sforzi di comprensione e tolleranza. E’ questo che il Papa ha detto.
      Riguardo vegani e vegetariani… Tuo figlio ha seguito la propria sensibilità ed è giusto. Non tutti da quel punto di vista siamo uguali. Il criterio razionale per cui sarebbe più giusto ancora cambiare in quel senso la propria dieta è quello che riguarda il danno ambientale, ma la maggior parte dei vegani-vegetariani portano avanti la causa de ‘l’agnellino è troppo carino per essere ucciso’ il che lascia il tempo che trova… Per questo parlo di moda. Inoltre secondo me si dovrebbe proprio “studiare” per sapere cosa mangiare per sostituire in modo adeguato le proteine non assunte con carne e pesce, invece tutti si improvvisano nutrizionisti e anche questo fa pensare ad una moda.
      Grazie per il tuo intervento 🙂

      Liked by 1 persona

  11. Amare ed essere amati, non so cosa sia più difficile! Io spesso dico che è difficile amare ma forse io non sono nemmeno in grado di farmi amare. E sono sempre più convinta che sia così…
    Ma senti,questa cosa della zia è vera? Ti sei offesa? io non so come avrei reagito,sai!?

    Liked by 1 persona

    • Vera, verissima. Diciamo che ero già abituata ad essere quasi inesistente per lei, è stato poco carino ma è solo una delle tante che fa. E’ una tipa particolare, dopo un po’ non te la prendi più per niente xD
      Non credo sia difficile amare.. In fondo è una cosa spontanea e ognuno la dimostra come meglio sa fare. Sentirsi amati si, è difficile, perché lì si scoprono le proprie fragilità e carenze di autostima. Si tende a non credere a nessuno, i complimenti ti imbarazzano. E poi si, ci sono quelli che davvero prendono in giro e alimentano la mancanza di fiducia generale nel prossimo. Come nella citazione che ho riportato, tutti vorremmo un posto nella vita di qualcuno in cui siamo imbattibili, davvero importanti e insostituibili.
      Io non lo sono mai stata per nessuno e ogni volta mi rendo conto di quanto ‘nemmeno stavolta lo sarò’. Però ecco per quanto da un lato sentirsi amati dipende dal lavoro che facciamo su noi stessi, dall’altro serve la persona giusta che ci faccia sentire al sicuro nel proprio cuore. Da qualche parte esiste per tutti (e che cavolo!) 🙂
      (sono logorroica stasera :O )

      Mi piace

  12. Ho scritto anche io un articolo a riguardo con il mio pensiero, se hai voglia dacci un occhio
    https://passeggiandosullefoglie.wordpress.com/2016/05/16/il-papa-e-lamore-per-gli-animali/

    Tra i commenti del post ho sentito dire più volte che amare un animale non fa male, permettetemi di dissentire, quando muore o si ammala se lo amiamo ci sentiamo derubati di un pezzetto di cuore, ci sono anche delle situazioni in cui anche un animale (ovviamente involontariamente) è capace di ferirci a causa di un suo comportamento ad esempio il mio cane adottata da adulta aveva tutta una serie di meccanismi che mi facevano star male, nonostante tutti il percorso fatto insieme in un occasione ha attaccato un ospite che conosceva bene, venuto a trovarci che ama i cani solamente perchè l’aveva guardata , mi sono sentita tradita profondamente e mi è servito del tempo per ricostruire ciò che provavo per lei (tra l’altro per evitare mordesse l’ospite mi sono messa in mezzo e ha pinzato me, essendo piccina non mi ha lasciato conseguenze fisiche)

    Quando il Papa parla di amore non s riferisce comunque all’amore che possiamo provare per un fidanzato o una moglie, ma a quello più platonico per l’essere umano in genere, come un anziano vicino di casa, o il barbone bisognoso… ecco io non mi ritengo così brava ad amare…non amo tutti, ma solo alcune poche persone\animali.

    Per quel che riguarda la tua domanda io amo e mi sento amata, mi sento amata dal mio moroso, ma anche da mia nonna e dal mio cane… so che a volermi bene ci sono molte altre persone e non lo fanno per avere in cambio qualcosa

    Mi piace

E Secondo Te . . . ?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...