Le Vie Del Signore Erano Infinite, Ma Non Arancioni

the-floating-piers-progetto

Prima di tutto ci terrei a chiarire un concetto, anche se banale: Christo non ha fatto nessun miracolo.

Eh no. Le Floating Piers secondo me non sono quel che tecnicamente si può chiamare “camminare sull’acqua”. Se mi trovo su un’imbarcazione abbastanza grande e ci cammino su mentre la suddetta naviga da un punto A ad un punto B, praticamente, è la stessa cosa. L’unica differenza con la Passerella di Christo è che questa stabilisce un collegamento continuo rispetto all’imbarcazione. Mi sembra, però, che una cosa simile sia stata già inventata. Il molo. Così, per sentito dire. La Passerella non è che un molo che non si interrompe in mezzo al lago. Si tratta di una piattaforma galleggiante.  Di un colore orrendo pure.

Sono troppo critica?

Troppo poco, forse.

Qualcuno ha considerato l’esperienza quasi religiosa, mistica. Molti sono stati attirati per curiosità, altri per l’opportunità di scattare il selfie più figo dell’anno. Chi è corso al lago d’Iseo, comunque, l’ha fatto perché ha considerato l’evento imperdibile. Come ha detto Christo stesso, irripetibile. Le Floating Piers infatti sono un’opera d’arte. Landing art. Mi sono informata. Questo capriccio d’artista, in realtà, è pieno di significati, anche abbastanza suggestivi. La passerella è un percorso, un racconto della vita e lo ha dedicato a sua moglie scomparsa qualche anno fa. E’ un’opera d’arte “reale” in quanto ha a che fare con gli elementi della natura: sole, vento, acqua. Sotto questo punto di vista è anche emozionante.

Le Floating Piers, però, resteranno in allestimento solo per due settimane.

Per quel che ne capisco, l’arte non dovrebbe avere una scadenza. Soprattutto se si tratta di un investimento di denaro e risorse. L’arte è ciò che da secoli tramanda da una generazione all’altra quella scintilla di divino e di perfezione, grazie a persone dotate del talento necessario a forgiarla in opere materiali, e non. Mi direte che adesso esistono anche le “performance”. Tipo quelle di Marina Abramovic. Lei, nel The artist is present non ha speso però 12 milioni di dollari per emozionare e creare un’opera d’arte vivente, che coinvolge un pubblico e che dura un limitato periodo di tempo.

subDunque, non è propriamente una performance. Non è un’opera d’arte di cui nei prossimi decenni il mondo potrà fruire. E’ … un’esperienza. Un esperienza costosa. Un’esperienza che era stata in precedenza rifiutata dal porto di Tokyo e di Rio della Plata in Argentina. Chissà perché. Christo arriva in Italia e puff, viene accolto nell’entusiasmo delle istituzioni del posto che vedono nel suo folle progetto un’incredibile opportunità di creare turismo in un territorio che già da tempo viene protetto dall’inquinamento di imbarcazioni a motore e pericoli vari per l’equilibrio di un ambiente delicato e da tutelare. Poi menano 200 mila blocchi di conglomerato nei fondali di un lago che non ha bisogno di alcuna “esperienza mistica” per essere considerato una meraviglia di suo. L’esperienza costerà molto al fondale. Si sta discutendo sul rimuovere o no i blocchi. Qualcuno dice di lasciarli lì, lontano dagli occhi, lontano dal cuore. Altri dicono che possono essere rimossi e riciclati, con il minuscolo rischio di distruggere ancor di più i fondali e alterare l’equilibrio biochimico che tiene in vita la flora e la fauna presenti.

A me questa faccenda innervosisce un sacco.

Non solo le Floating Piers sono costate tantissimi soldi, deturpano l’ambiente, verranno distrutte tra dieci giorni, e sono state pure evacuate a causa di un temporale (ma va?), ma stanno creando un mare di disagi ai cittadini di Sulzano e problemi alla circolazione dei mezzi di trasporto pubblico e privato di tutta la zona. E’ questo il punto: le follie di un’artista non si possono considerare “sostenibili”, come i promotori dell’iniziativa si fregiano di dire. Si doveva pensare ad un piano straordinario di mobilità, garantire linee e corse, prevedere che l’arrivo di migliaia di persone avrebbe congestionato il sistema di trasporto locale.

E niente, a questo Christo non c’ha pensato. Così la gente aspetta sotto al sole file chilometriche per “vivere l’esperienza”, sempre che siano riuscite a non snervarsi nell’arrivare e sperando che il ritorno non sia un inferno. Ah, sempre che non arrivi un altro temporale. imageQual è la probabilità che se ne verifichino quattro o cinque nel giro di quindici giorni? Alta, caro Christo. Alta. Siamo a giugno. Per la verità solo poche settimane prima dell’apertura si sono ricordati di fare degli studi sulle correnti d’acqua che potrebbero dare fastidio ai tiranti e alle piattaforme galleggianti. Cosa di niente. Figuriamoci se sospettavano di creare disagi nelle stazioni.

A fronte di tutto questo l’artista Christo avrebbe dichiarato: “L’attesa è parte della mia opera, o avete pazienza o non venite”. Capriccioso e spocchioso. Il prefetto Valenti dice: “L’opera è un’opportunità, non un diritto”. Con buona pace di ogni significato della parola arte. Adesso, non voglio fare la spocchiosa anch’io. Visto però che s’è servito dell’ingegneria per costruire il suo personalissimo ponte sull’eternità e hanno impiegato 23 mesi, uno studio serio di fattibilità dell’opera poteva farlo fare a qualcuno. Invece no. Arriva l’artista, l’artista ha i soldi, l’artista fa quel che cazzo gli pare.

Bene così. Caro Christo, riguardo una cosa che dovrebbe esser bella non si può sentir parlare di “emergenze”. L’unica cosa che aspetto io è solo quella di non leggere più sui giornali dei ridicoli disagi che stai causando, in nome del tuo sedicente miracolo.

5548506-0043

Questione Di Principio (Di Indeterminazione)

” […] se il mondo sub-atomico vive in una realtà indeterminata finché non c’è un osservatore esterno che la fa collassare in uno stato determinato, allora – volando (ma nemmeno tanto) con la fantasia – potremmo sostenere che l’intero universo vivrebbe in uno stato di indeterminazione quantistica se non ci fossero osservatori intelligenti che lo osservano. Il che, detto in maniera più rude, vuol dire che, se non ci fossimo, l’universo non sarebbe quello che è. I filosofi si divertono molto con queste domande che imbarazzano tremendamente i fisici, e rappresentano questi paradossi con un esempio: “Che rumore fa un albero che cade nella foresta, se non c’è nessuno in ascolto?”

Non è il campo della fisica che studio questo, ma per quanto non ne sappia tantissimo la quantistica mi ha sempre affascinata, così come ogni cosa che ha a che fare con paradossi, esperimenti e tentativi di spiegare cos’è questo strano tutto che ci circonda, che chiamiamo realtà. Non mi dilungo in troppe spiegazioni, per approfondire c’è il link in basso dell’articolo da cui ho tratto anche la citazione. Il fatto è che quando l’ho letto ho fatto un salto dalla sedia per quanto mi è sembrato interessante e spero di incuriosirvi un po’.

Il succo della questione è che nel mondo sub-atomico certe cose non funzionano come in quello macroscopico. Lì regna l’indeterminazione. Vabè, si, anche qui. Ma non in quel senso. Indeterminazione intesa come se cerco un elettrone che gira intorno al nucleo di un atomo quello appare davanti ai miei occhi nel punto esatto in cui sto guardando. Tipo, pensate che vi siete persi il vostro maglioncino preferito. Voi aprite l’armadio, finché è chiuso voi non sapete dove cavolo si sia cacciato, è uno stato di indeterminazione, e puff quello appare davanti a voi. Il maglioncino stava vibrando insieme a tutti gli altri capi del vostro guardaroba in una realtà indefinita che è andata a determinarsi a causa del fatto che l’avete osservata.

Indubbiamente spostare dal micro al macro-mondo certi meccanismi è un lavoro in cui (per adesso) si impiega più fantasia che scienza. Allo stesso tempo ci si chiede perché mai dovrebbe essere diverso. E’ possibile che man mano ci si occupi di particelle di dimensioni maggiori, meno queste sono sensibili allo stato di indeterminazione. Esagerando nel ragionamento i fisici addirittura sono arrivati ad ipotizzare che la Terra stessa, al pari dell’elettrone, potrebbe esistere e non esistere in qualsiasi punto della sua orbita intorno al Sole in mancanza di noi osservatori intelligenti.

Allora è partita la mia fantasia. Il fatto che ogni cosa può esistere e non esistere nello stesso istante non è un’idea così nuova. Mi viene in mente la filosofia, la cultura orientale. Affermano cose molto simili. Il mondo è quello che appare ai nostri occhi. Il giorno non esiste senza la notte, il coraggio si accompagna alla paura, lo yin allo yang, gli opposti si riuniscono nel tutto. Nulla esiste senza il proprio contrario. Addirittura, pensavo a cosa si dice a proposito delle maschere, che cambiano in base a chi o a cosa ci relazioniamo. Immaginate di essere l’unica persona in vita sulla Terra. A parte il fatto che sia di una tristezza unica, cosa o chi pensate potreste essere in mancanza di osservatori esterni?

A questo punto mi spingo ancora un po’ oltre in questo volo della mente e mi ricollego all’articolo che ho letto, che fa l’esempio di una mano di un gioco di carte.

Vi trovate davanti ad un bivio, una scelta. Due strade. Intuite i risvolti e le conseguenze dell’incamminarsi verso l’una o l’altra. Non sapete con certezza cosa vi aspetta alla fine di entrambe. Dovete scegliere però. Anzi, addirittura le scelte sono tre. Esiste quello che si chiama lo “scenario zero”, ovvero la “non scelta” che è pur sempre una scelta e comporta delle conseguenze. La realtà davanti a voi è in uno stato di indeterminazione. Può essere così come la immaginate o diversa, di molto, di poco. Poco più avanti dei vostri piedi coesistono la vittoria e la sconfitta, così come il non partecipare affatto. C’è la buona riuscita di un vostro progetto così come il suo fallimento, c’è il bacio a fine serata così come lo schiaffo. Ogni cosa è possibile e non lo è nello stesso momento.

La questione, da decenni resta sempre una e una soltanto. Non ci si gira intorno. Non c’è modo di saperlo in anticipo. Finché non aprite la scatola il gatto, nonostante ci si scervelli e si consultino indovini e carte, oroscopi e lanci di monete, che ci si affidi alla statistica o all’esoterismo, alla religione o al pensiero razionale, è sia vivo che morto. E questo è l’unico punto fermo da cui non si scappa.

Il resto vi ronza intorno come se fosse una lucciola impazzita. A voi soltanto, il compito di provare ad afferrarla.

Scienza.fanpage.it – Infinite realtà? Una scoperta conferma i paradossi della fisica quantistica

* … E Questa Sera Si E’ Alzato Il Vento …*

Il cuore batte forte, chissà che gli è preso stasera, ecco, all’improvviso, chissà che motivo ha di agitarsi tanto, proprio ora, così, senza che sia successo nulla di particolare. Volevo scrivere, si, ma avevo in mente tutt’altro. E invece quel battito fuori dall’ordinario suggerisce tutt’altre parole, magari a sapere il perchè, a sapere dove vuole andare a parare. Una strana agitazione, una specie d’ansia che, butti uno sguardo in giro, soltanto tu percepisci. E grazie, come potrebbe essere altrimenti, per fortuna. Prima di iniziare ho pure cliccato sul corsivo, anche se di solito scrivo dritto e uso il corsivo per altre cose. In questo momento ho anch’io la testa inclinata a destra e forse è per questo che ho inclinato pure le parole, così sembra che siano dritte lo stesso.

In fondo hai imparato che all’occorrenza il sistema di riferimento può essere cambiato, se ti serve per dimostrare una tesi o semplificare delle ipotesi, però lo dici prima, che vale solo in quel sistema di riferimento. Non ti illudi, non hai trovato una soluzione che va bene per qualsiasi caso, ma ti insegnano anche che è una giusta approssimazione del caso reale, che presenta così tante variabili che a tenerle tutte in conto si perde la testa, tanto poi l’influenza di quelle che non prendi in considerazione non è poi così significativa, e anche quel “significativa” lo stai a stabilire tu, in base al rischio che pensi di accettare. Per esempio una casa la tiri su sapendo di accettare una probabilità di “failure” pari ad un certo valore stabilito dalla legge. Quindi con la possibilità, remota, estremamente remota, che possa cascare giù o che non serva più per ciò per cui è stata progettata. Perde di funzionalità. I materiali non sono perfetti.

Perfezione… Lanci uno sguardo alla tv, si stanno ammazzando a trovare una spiegazione del perchè si ricorre alla chirurgia estetica. Pare siano tutti d’accordo che sia necessaria per problemi gravi, amen. Poi s’azzuffano ad analizzare tutti gli altri motivi. Uno di quei programmi in cui vanno sprecate tante parole soltanto per fare spettacolo e mostrare qualche seno nudo complice l’ora tarda. Basterebbe che si alzasse qualcuno a dire “E’ tutta una questione di gusti, di come ci si vuole vedere, dell’idea che ci si è fatti di sè, del proprio punto di vista, il proprio riferimento”. Che poi anche lì c’è il rischio, come per la casa, vabbè. Potrebbero anche alzarsi tutti da quelle poltroncine e andare a fare qualcosa di più utile. Stanno a dire che la bellezza vera dovrebbe essere quella naturale, senza troppe pretese, ogni donna ha la propria e hanno la capacità allo stesso tempo di celebrare gli stereotipi. Su quelli si che si va sempre sul sicuro. Come per il film che hanno mandato in onda prima, uno di quelli che ti sei sempre rifiutata di vedere, nemmeno fosse un horror, soltanto perchè ti stanno sulle scatole tutti quei luoghi comuni che sono nati sugli esami di maturità. Canzoni, film, libri. Odio quando qualcuno si mette sul piedistallo con la pretesa di aver capito cos’è che si prova in determinate situazioni e giù a scrivere sceneggiature tali che più cazzate fanno fare ai protagonisti, più soldi fanno ai botteghini. Come se tutti i ragazzi d’Italia avessero provato le stesse cose la notte prima dell’inizio degli esami. Tu non ti ci ritrovi e t’arrabbi. Però resti a guardarlo, perchè c’è Panariello che ti fa sempre ridere.

E’ sempre una questione di riferimenti allora. Guardi le cose da un altro punto di vista e cambiano. In realtà le cose cambiano proprio nell’atto di osservarle, ma questo lo sa bene quel povero gatto nella scatola. Non si sa se è vivo o morto finchè qualcuno non si da’ pena per andare a vedere che fine ha fatto. Chissà se qualcuno mai si è chiesto cosa pensa il gatto. E si, ogni tanto ti fai anche delle domande un po’ assurde. Lui non può vedere cosa succede là fuori. Credo che sappia almeno che qualcuno c’è e sa che lui sta lì. Soltanto questo sa. L’ha capito. I gatti sono furbi. Qualsiasi cosa stiano facendo, lui è lì tranquillo che pensa ai fatti suoi. Tutt’al più si chiede perchè proprio un micio. Potevano metterci pure un pappagallo, che ne so. Quella strana smorfia sotto ai baffi, però, forse è un sorriso. Non lo ammetterebbe mai, no, ma sotto sotto gli fa piacere, anche se è tutto un gioco, una creazione della mente, che stabilisce un limite e poi ci torna, ogni tanto, a spostarlo un po’ più in là. Sposti i confini, cambi i riferimenti, tutto per trovare sempre un nuovo equilibrio, mentre nel frattempo lì ci sei sempre tu.

“Tutto cambia, per non cambiare nulla.”

piena soddisfazione

E’ da più di un anno che hai questa frase tra le bozze. E’ del prof. Eppes della serie tv Numb3rs. E’ spuntata fuori proprio adesso. Qualche volta ti capita di conservare un pezzo di un puzzle e che tutto il resto dell’immagine ti si materializzi quando meno te l’aspetti. Una sera che il cuore ti batte forte. Una sera che troppe emozioni vengono tutte insieme a trovarti. Lo spazio non è piccolo, ma loro sono davvero tante. Sei troppo stanca per dare un nome a tutte però. Nella confusione se ne è intrufolata qualcuna non gradita, quelle che di solito lasci fuori alla porta perchè non ti piace immaginarti insieme a loro. Ciò che non ti piace lo chiudi fuori, di solito. Ti rendi conto che qualche anno fa eri molto più fiscale, adesso invece, un po’ più malleabile. Uno spiraglio lo lasci aperto perchè da un lato la curiosità in te è sempre più forte di ogni altra cosa (cavolo, la curiosità uccise il gatto… di nuovo lui, povero, ma mi chiedo se quella del gatto o dei tizi fuori) e dall’altro ti piace pensare che sai gestire questioni che prima depennavi, stracciavi, mandavi fuori dai piedi all’istante. Stai pensando a come sono nati questi cambiamenti, qualche volta tra una lacrima e una voglia matta di abbracciare qualcuno. Peccato che non c’era “qualcuno” che lo sapesse. Se tu non lo dici a “qualcuno”, come fa poi a saperlo, eh. Magari con la testa un po’ inclinata. Cambia il riferimento, e tutto viene da sè. Come le parole in corsivo, vengono fuori da sole, vedi? Che da dritte nemmeno sotto tortura lo farebbero.

Apri l’ultima scheda del browser, per questa sera. Tutta questa storia ti ha ricordato di qualche nozione di grafologia di cui hai sentito parlare da qualche parte. E trovi questo:

“La scrittura dritta o leggermente inclinata mantiene il centro di gravità dentro se stessa, vale a dire l’individuo pone le basi del suo rapporto con il mondo all’interno dell’Io, vive la sua realtà interiore individuale come origine della sua costruzione della realtà e a partire da questa si relaziona con il mondo esteriore.
Quando aumenta progressivamente la spinta a destra, il centro di gravità si sposta dall’interno all’esterno: ora l’individuo non riesce più a percepirsi in modo autonomo e sufficiente a se stesso, ma necessita di un rapporto di relazione per stare in piedi.”

Per stare in piedi adesso ti ci vorrebbe più una dormita, magari. E’ tardi, quella gente si è pure alzata dalle poltroncine, e te stai friggendo sotto al calore del pc. Ci penserai domattina. Qualcosa ti dice, però, che a parte un crampo nel collo e un enorme sproloquio nelle bozze ben poco ti rimarrà di questa sera. E’ ovvio, certe emozioni ti travolgono, come un’onda spinta da un vento un po’ più forte del normale. E ci credo, soltanto un surfista starebbe in equilibrio su un’onda e io non lo sono. Poi l’onda si ritira e ti lascia sulla pelle solo l’odore del mare. Solo. Alla faccia. Tra un’onda e l’altra è quell’odore che ti accompagna sempre, pure se non ci fai troppo caso, a volte. Ma appena si alza il vento, si fa sentire eccome.

E fuori, infatti, c’è un bel temporale.

* . . . Blog Ad Impatto Zero! . . . *

Ogni volta che facciamo visita ad un blog o ad un sito web immettiamo nell’atmosfera 0.02 g di anidride carbonica. Che in un anno, per un blog che mediamente conta 15.000 visite all’anno sono 3.6 Kg, dovuti principalmente al funzionamento dei server.
E chi ci aveva mai pensato ad una cosa del genere. Di solito si sa di inquinare l’aria quando si prende l’auto, si accendono i riscaldamenti, si guarda la tv, si mette una birra in frigo, ma che anche scrivendo uno stupidissimo post si contribuisce al problema è molto meno noto.
E’ scontato che avendo tutti una parte di responsabilità nel problema inquinamento, dovremmo anche impegnarci un po’ per cercare di invertire la tendenza, e non per forza compiendo gesti eclatanti che servono a poco, piuttosto assumendo comportamenti che dovrebbero appartenere alla sfera del buonsenso più che a quella dell’ecologia. Essere ecologisti è tutt’altra cosa e non lo sono nemmeno io, nonostante la maggior parte della gente a cui dico il nome del mio corso di laurea pensa il contrario.

“E tu a che università sei?”


“Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio”

Al che il 95% delle persone ha risposto come in uno o più punti dei seguenti:

  1. “Scusa come? Non ho capito bene, puoi ripetere?” dovuto principalmente al fatto che il nome è lungo, io lo dico velocemente e qualche parola si perde per strada;
  2. “Aaaah ho capito, collaborate con la Facoltà di Agraria, vero?” …… no comment (!);
  3. “Allora so a chi dare la colpa un giorno per le volte che non vengono a ritirare la spazzatura sotto casa!” ;
  4. “Per cui alla fine sarai un’ambientalista?” …… nemmeno mi consegnassero la tessera del WWF al posto del diploma di laurea.

L’altro 5% invece qualche volta ne ha sentito parlare e si limita ad un “è ciò di cui abbiamo proprio bisogno con tutti i guai che succedono”.
L’ingegneria può far tanto, case ecosostenibili, biocarburanti, energie rinnovabili e cose così. Ci sono poi altri piccoli grandi gesti che si possono compiere e un po’ alla volta diventano così normali, banali che nemmeno si sta a pensarci più su e vanno a migliorare la qualità delle nostre vite.
Tenere le finestre aperte con i riscaldamenti accesi è un crimine. Gettare una carta dal finestrino dell’auto lo è ancora di più. Chi lo fa pensa che tanto ce ne sono già altre, la mia non si nota oppure è convinto che quel pezzo di terra dove la carta va a finire (e resterà per almeno un mese, giacchè scompare magicamente solo dall’abitacolo della sua auto). Se poi si getta un mozzicone di sigaretta, magari in viaggio verso la meta delle proprie vacanze, si può star tranquilli che quell’affarino starà ancora lì pronto magari a farvi un saluto quando l’anno dopo ci ripasserete. E’ anche vero che c’è da lavorare sulla pigrizia. Prendere l’auto per andare a fare la spesa in un posto non troppo lontano da casa l’ho fatto anche io. Ma ci si può lavorare. Così come si possono prendere le scale al posto dell’ascensore, ad esempio, il che fa bene due volte 😛
E poi vagando tra blog ho scoperto questa iniziativa promossa da Doveconviene.it – offerte e volantini intorno a te (che già lavorano per sostituire i volantini di carta con volantini virtuali) in collaborazione con “I Plant A Tree”, iniziativa ecologica tedesca che opera nel campo della riforestazione. Ho deciso di partecipare al programma  “CO2 Neutral” secondo cui per ogni blog che aderisce verrà piantato un albero, in particolare una quercia, che per i prossimi 50 anni provvederà con la sua produzione di ossigeno a neutralizzare la CO2 prodotta dalle attività del mio blog che diventa così un blog ad impatto zero (e lo segnalerò con un bannerino nella barra laterale). Al momento, il progetto di riforestazione attivo si trova a Göritz in Germania.

Partecipare è facilissimo e non costa nulla, potete vedere come fare qui:
Home-CO2 Neutral
La riforestazione è uno dei modi più intelligenti secondo me per porre rimedio alle eccessive emissioni di CO2 e si contribuisce a ridare al nostro pianeta la sua identità e in fondo, anche a ridarne un po’ a noi perchè credo che la bellezza della natura non è altro che il riflesso della bellezza che c’è dietro ai nostri occhi.