Guestpost Estivo su Principesse Colorate: Priorità, Scelte, Sfide

universitc3a02

Sopravvivere da studente o lavoratore all’estate è davvero una sfida. Chi come me si trova al centro di quel triangolo sa bene di cosa parlo.

Nel mio guestpost estivo su Principesse Colorate racconto come provo a fare del mio meglio per cavarmela, ma soprattutto mi chiedo se per forza bisogna sacrificare qualche aspetto della propria vita per star dietro a tutti gli altri.

La risposta è sì.

La bella notizia però è che forse non necessariamente questo è un male.

Qui il link: Studiare, dormire, socializzare. Il triangolo dello studente in mise estiva

La Sfida Dei 140 Caratteri

13507170_1299226916776350_8936324204601595195_n

Qualche tempo fa gianni invitò i suoi lettori, ispirato da un altro concorso, a creare un mini racconto dai canoni twitteriani, ovvero composto da soli 140 caratteri, entro il 30 giugno. La sottoscritta promise di cimentarsi senza, purtroppo, tener conto della propria imbranataggine, per cui un giorno s’è svegliata ed era già luglio. Mai sia detto, tuttavia, che io non mantenga una promessa, così tra una pagina di calendario da cambiare e una consapevolezza temporale da aggiornare, mi sono cimentata nella sfida, per me ancora più difficile perché la sintesi non è effettivamente una delle mie doti migliori. Comunque è stato divertente e se qualcuno di voi vuole provare può come me scriverci un articolo sul proprio blog e pubblicare il micro-racconto nei commenti all’articolo de ilperdilibri, che sono certa adesso mi perdonerà!

 

La lettera parlava di un tesoro. Partì, cercò. Nel buio pianse. La Luna infine le illuminò un punto nel cuore. Capì. Spese tutto in sorrisi.

 

*…”Per Esempio Non E’ Vero Che Poi Mi Dilungo Spesso Su Un Solo Argomento”…*

Lo vidi salire sulla metro circondato da alcune persone, in maggioranza ragazze poco più piccole di me. Alto, magro, sui sessanta un po’ trasandato ma con l’aria spigliata e gli occhi vivaci, occhiali e berretto verde militare, intento a parlare, raccontare qualcosa che non riuscivo a sentire bene perchè ero un po’ più lontana. Mi avvicinai insieme ad altre persone, che di mattina presto un po’ per il sonno un po’ per tristezze varie che di solito ti accompagnano a quell’ora fino al primo sorriso della giornata, avevamo dei musi lunghissimi e quella persona così sveglia e vivace ci attirava molto. Capii presto il perchè. Era un vulcano di idee. Parlava di qualunque cosa gli venisse in mente, prendendo spunto guardandosi intorno, guardando quel piccolo gruppo che si era formato intorno a lui e alternandosi in abili complimenti alle ragazze che sorridevano illuminandosi visto che certe cose ormai nessuno le dice più, o almeno non più sinceramente. Sembrava che in quel momento stesse su un altro pianeta. Era spiazzante il modo in cui riusciva a catturare menti assopite e consumate sempre dagli stessi inutili e dannosi giri di pensieri. La sua era viva. Quando arrivai stava rassicurando tutti che non era stato pagato dal comune della città per intrattenere i viaggiatori stufi dei soliti ritardi, quel giorno particolarmente pesanti, ma che gli faceva solo piacere condividere e trasmettere ciò che gli passava per la testa. Poi iniziò a parlare della Grande Bellezza collegandosi alla bruttezza del dipinto del Cristo Morto passando per Dostoevskij che non ho afferrato cosa c’entrasse, si soffermò su quanto fossero belle le donne quando sorridono, sorriso generale, e sul fatto che le persone delle loro vite si fossero innamorate di loro quando per la prima volta le hanno viste con gli occhi tutti attaccati dal sonno, appena sveglie, e non grazie al trucco che sfoggiano ogni giorno. Continuò ancora un po’ nel suo monologo finchè non disse una cosa alla quale continuo a pensare non tanto per il concetto in sè, ma per l’effetto che fece su di me in quel momento.

Più o meno con queste parole disse: Ma io vi vedo preoccupati, avete delle facce così tristi… Ma è perchè siamo in ritardo? State pensando che arrivate tutti tardi, che il capo si arrabbia, che vorreste essere già arrivati. E invece secondo me è perfettamente normale. Non c’è alcun bisogno di preoccuparsi. Non mi credete ma è così.  Arriveremo esattamente quando dovremmo arrivare. 

A quelle parole io sbarrai gli occhi. Mi scosse. Tutti sorrisero scettici scambiandosi occhiate. Io continuai a guardarlo non sicura che stesse dicendo sul serio. Era una stupidaggine in fondo. Eravamo in ritardo, io sarei arrivata tardi alla lezione, qualcuno tardi ad un esame, ad un appuntamento, a lavoro… Come poteva essere così tranquillo lui? Continuai a guardarlo incredula, mentre sorrideva sereno, come se fosse a conoscenza di qualcosa che nessuno intorno a lui poteva immaginare, qualcosa che lo faceva star bene e in pace con il mondo. Poi ho smesso di rifletterci, lui è sceso dalla metro nel mezzo di un altro aneddoto promettendo al suo piccolo pubblico che avrebbe finito di raccontarlo l’indomani.

Dopo questo episodio mi venne in mente una risposta di Richard Bach ad un mio commento sul suo sito, prima dell’incidente, sito che ora ha riaperto e ne sono felicissima. Il post parlava di quando insieme al suo biplano Puff si trovò ad affrontare per la prima volta una tempesta, di quanto in loro ci fosse sia spavento, sia coraggio nei confronti di ciò che non potevano cambiare. Le nuvole all’orizzonte erano nere e cariche di pioggia e si stavano avvicinando sempre più. Io chiesi se la consapevolezza degli ostacoli che ci si pongono di fronte, dei problemi, di ciò che accade e che non possiamo governare, fosse il segreto per vincere e per uscirne fuori. Lui rispose che quanto più siamo lenti nel capire e intuire ciò che sta accadendo, quanto meno siamo consapevoli delle prove che ci troviamo ad affrontare, più sembra che sia la vita a pescare ostacoli e test generici dalla sua ‘scatola delle infinite possibilità’. E disse poi, non otterremmo più punti se definissimo noi stessi il campo da gioco invece?

Ci ho sempre pensato tanto a queste parole e ogni volta che nel capirle davvero mi sono sentita forte mi sono resa conto di quanto non sia così, o almeno, di quanto sia estremamente difficile che sia così. Perchè è all’improvviso che ti casca il terreno da sotto ai piedi, è in pochi istanti che le situazioni possono cambiare in peggio irrimediabilmente, è da un giorno all’altro che le persone vanno via dalle vite di altre, così velocemente da creare vuoti che distruggono ogni vecchio e nuovo sorriso. Com’è possibile allora che ci sia un modo per essere così saggi e forti da non lasciarsi colpire da ciò che cambia e non possiamo fermare? Come si può essere tanto consapevoli di sé da vivere senza ansia e paura ogni difficoltà? E’ come se davanti ad ognuno di esse ci presentassimo con l’aria corrucciata, l’espressione più feroce che possiamo disegnarci in viso per poi farle un occhiolino di nascosto in segno di intesa, nel momento in cui tutti si distraggono a guardare altre cose.

Come per dire ti ho cercata fin dall’inizio per affrontarti. Come un San Giorgio che non vede l’ora di guardare negli occhi il proprio drago. Coraggio nei confronti di ciò che non si può cambiare.

Eh si, in fondo ero in ritardo, ritardissimo. Ma all’improvviso non me ne importò più nulla. Non affrettai il passo scendendo dalla metro, camminai con la mia solita andatura. Quelle parole, pur non capite fino in fondo, mi avevano anestetizzata. Mi lasciai riscaldare dal sole, dopo il buio delle stazioni. Sorrisi alla solita piazza piena di gente e di auto che ogni giorno come faccio anch’io, corrono da un posto all’altro rispettando orari, sequenze di cose da fare, liste della spesa, il succedersi di giorni e stagioni. Avevo la sensazione che importasse altro, non sapevo e ancora adesso non so cosa. So solo che arrivai in aula, il prof aveva già iniziato, tolsi la giacca e trovai un ultimo posto in fondo e sedetti. Sorrisi al pensiero che ero lì proprio nel momento in cui dovevo arrivarci, non un momento prima, non un momento dopo.

*… And Put Up Your Head …*

 

“Ma finalmente capiva quello che Silente aveva cercato di dirgli. Era, si disse, la differenza fra l’essere trascinato nell’arena ad affrontare una battaglia mortale e scendere nell’arena a testa alta. Forse qualcuno avrebbe detto che non era una gran scelta, ma Silente sapeva – e lo so anch’io – pensò Harry con uno slancio di feroce orgoglio – e lo sapevano anche i miei genitori – che c’era tutta la differenza del mondo.”

[J.K.Rowling – Harry Potter e il Principe Mezzosangue]

*… May Photo A Day Challenge – Part 3 …*

Senza titolo-1

Il gioco continua, mentre Instagram inizia a dare segni di stanchezza, non ha mai lavorato così 😛

8 Maggio: SHAPE
Che forma ha una nuvola? …. ((:

9 Maggio: A SNACK
Cantuccini!!! Mancava il Martini però, vabè…

10 Maggio: STARS
Anche se riesco a vederle qualche volta sono difficili da fotografare quelle vere… per cui mi sono accontentata del mini-planetario!

11 Maggio: A SMILE
Quello del laccettino scovato tra mille cianfrusaglie

12 Maggio: MOTHER
E …. chi poteva farli gli gnocchi alla sorrentina?

13 Maggio: SUNRISE/SUNSET
Tramonto, appena un’oretta fa da casa mia… l’alba no, dormivo!

*… May Photo A Day Challenge – Part 2 …*

parte 1

E in effetti devo dire che è divertente questo gioco! Guardo anche le foto che pubblicano altre persone in giro per il web e ne escono tanti punti di vista anche strampalati… Ecco cosa ho fotografato:

2 Maggio: MORNING RITUAL
Bhè al mattino senza il mio Jack non si va da nessuna parte, che sia cappuccino o thè 😛

3 Maggio: THIS IS REALLY GOOD!
Adoro le fatine, questa è la prima che ho avuto e questa qui ha anche un altro motivo per essere so so good … Eheheh! Vediamo un po’ se qualcuno la riconosce… che so, potreste averla proprio adesso sotto al naso e non ve ne siete ancora accorti!

4 Maggio: IN MY CUP
Camomilla, tanto per far passare la tosse e rilassarsi un po’ mentre leggo … non che Agatha Christie sia l’ideale per conciliare il sonno, ma durante il giorno leggere è un’impresa e non mi resta che la sera…

5 Maggio: PAPER
Ovvero il mio quadernone, che nemmeno la domenica mi abbandone, purtroppo, no.

6 Maggio: BROKEN
La prima cosa che ho avuto sotto mano è un righello che si è fatto in tre pezzi, non so perchè ma sta ancora lì ahah

7 Maggio: SOMETHING BEGINNING WITH F
Qualcosa che inizi per F… è stato davvero facile. F=Ferrari, sempre e comunque.  😀

 

* . . . May Photo A Day Challenge!!! Part 1 . . . *

7b1bbc3f94317cc98df0a633f2594bd5

Non conosco direttamente il sito che ha inventato quest’iniziativa, May Photo A Day, però mi sembra divertente e ho pensato di partecipare, anche se farò un po’ di testa mia (come al solito!)… In pratica di tratta di pubblicare una foto che rappresenti il tema del giorno proposto qui sopra, ovviamente personalizzandolo e magari tenendo conto almeno un po’ dell’editing. Per dire, io per la maggior parte mi affiderò ad Instagram 😛
Poichè non avrò modo di pubblicare una marea di post, uno al giorno per tutto il mese, ho pensato di iniziare il gioco con la prima immagine (che avrei dovuto pubblicare ieri, pazienza…) e le successive le pubblicherò in gruppi da 6 foto, quindi ogni 6 giorni, creando dei mini-collage. Ecco, diciamo che più che le singole foto, io sono proprio curiosa di vedere che effetto fanno insieme piuttosto che da sole! Magari andrò a dare un’occhiata anche agli album di altri partecipanti al gioco, un po’ in giro tra siti, blog e social e anche ai vostri se vi andrà di unirvi al gioco!

Il primo tema è  I BOUGHT THIS!
Mi sono attenuta esattamente all’ultimo acquisto che ho fatto, qualche giorno fa. Non avevo in programma di prenderlo, ma ormai mi sono abituata al fatto che spesso sono loro che mi chiamano dagli scaffali e non io a cercarli…. E quindi, visto che a certi richiami ammalianti non si può resistere, l’ho portato a casa con me ^_^

IMG_20130502_162356